Il nostro sito web fa uso di cookies propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, tu acconsenti all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più sui cookie che potrebbero essere installati o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie, leggi la nostra 

2016 Di Fortunato Calvino

Prossimo Debutto: 15 febbraio 2016

 

LOCANDINA CRAVATTARI copy“CRAVATTARI” di Fortunato Calvino, con il quale, l'autore, è stato pluripremiato, ricevendo riconoscimenti prestigiosi (Premio Giuseppe Fava 1995; Premio Girulà come Migliore Autore 1996; Premio Speciale Giancarlo Siani 1997), proprio per l'attento scavo nel sociale compiuto e sarà diretto e interpretato da Jenny Ribezzo, insieme ai suoi allievi più esperti.

La narrazione degli eventi è costruita su due livelli in un continuo flashback tra il passato e il presente e, tale andamento narrativo si rivela efficace per evidenziare lo status psicologico delle vittime che passano dalla disperazione (passato) alla condizione di vinti (presente).

SINOSSI

Cravattari è il primo testo ad aver affrontato in scena la piaga scottante dell’usura, con lo scopo di raccontare quotidiane sfaccettature dell’esistenza umana attraverso la descrizione di una realtà contraddittoria. Parlando di questo testo l’autore afferma che nel suo lavoro convivono due città contrapposte: la Napoli “del sopra”, quella che tutti conoscono ed ammirano, e la Napoli “sotterranea”, quella della solidarietà reciproca che egli stesso descrive così come gli è stata raccontata dai genitori che durante la guerra, come tanti altri napoletani, vi si erano rifugiati. Da una parte l’azione senza scrupoli dei malavitosi che, oltre agli uomini, coinvolge principalmente donne e madri; dall’altra il dramma dei vinti che spinti dalla disperazione si convincono di aver perso definitivamente la propria dignità. Da un lato la supremazia dei due boss del testo, soprannominati ’O Cinese e Naso ’e Cane, che in questo caso vengono solamente citati in modo da sottolineare con maggior evidenza la scelleratezza di Assunta, un’usuraia che «nun dà maje niente pe’ niente»; dall’altro l’ingenuità di Rosa e la paura dei suoi genitori, Nunzia e Gennaro, sommersi dai debiti.

  

DEBUTTO: 15 Febbraio 2016 ore 20.30

Teatro Impero - Brindisi

Prevendita presso la nostra sede in P.za Crispi, 42

 

Il 15 febbraio anche matinée per le scuole

 

ISCRIVITI ALLE NOSTRE NEWSLETTER

Privacy e Termini di Utilizzo

 

© Copyright - Teatro Kopó - ROMA: Via Vestricio Spurinna,47/49 - C.F. 97631730583 / P.IVA 11533861008 - BRINDISI: Piazza Crispi, 42  Privacy Policy - Dona il 2x1000 al Teatro Kopó

MEDIA PARTNERLogo Idea Radio